Cena di beneficenza per la Fazenda

"Pina Bauch e Wim Wenders": tema della scorsa cena di beneficenza tenutasi qualche giorno fà alla parrocchia del S.S. Rosario. Abbiamo chiesto ad un fedele di questi incontri, di raccontarci com’è andata:

di Giovanni Pastena.

Si è concluso con successo l’ennesimo appuntamento – cena di beneficenza – che si è tenuto sabato 9 marzo. L’avvenimento come di consueto ha avuto luogo nel bellissimo teatro parrocchiale (debitamente addobbato con garbo, eleganza e semplicità dalle volontarie del Punto Cuore) ed ha accolto circa 90 ospiti/amici. La serata è stata animata da Suor Isabelle ….... e Monica Attanasio. Mostrando una sorprendente conoscenza e competenza ci hanno introdotti nel meraviglioso, quanto a volte sconosciuto, mondo della danza. Il tema infatti scelto per la serata riguardava l’artista/ballerina tedesca Pina Bausch scomparsa qualche anno fa.

Grazie ad un film documentario del regista Wim Wenders, dal titolo appunto “PINA”, Suor Isabelle è riuscita a tenerci incollati allo schermo mostrandoci alcuni passaggi del film di Wenders. La bellezza delle immagini unita alla musica di sottofondo hanno fatto il resto, contribuendo ad un’atmosfera magica. Abbiamo percepito comunque una originalità interpretativa dell’artista tedesca, sicuramente sui generis, che ha mostrato un amore profondo per questo mondo affascinante della danza ma anche un’attenzione particolare ad ogni singolo interprete. Senza dimenticare l’originalità pure delle scene.

Infine il tema centrale denunciava a mio avviso la pericolosità delle ideologie, che spesso tendono a mortificare la bellezza e la ricchezza dell’umanità dell’individuo. Ciò che ci ha sorpreso è il fatto che al termine della serata, dopo il saluto conclusivo finale, molti dei nostri amici sono rimasti fino a mezzanotte inoltrata per il semplice gusto di stare insieme e godere il più a lungo possibile di quel momento di particolare grazia.

Non bisogna dimenticare che tutti i momenti che viviamo attraverso queste serate sono dei veri tempi di grazia. La preparazione scrupolosa e meticolosa di Angela per gli addobbi, il servizio donato gratuitamente in cucina, fino alla puntualità di quanti hanno servito ai tavoli. Per non parlare degli sguardi dei nostri ospiti/amici con molti dei quali si è creato un reale legame profondo. Senza dimenticare infine il nobile gesto che permette di aiutare le comunità più bisognose alle quali sono stati destinati i fondi raccolti.

Un grazie di cuore a tutti e … che dire: “Alla prossima”!

Portfolio